giovedì 20 novembre 2008

Lezioni di cinema : Roma città aperta

Mi trovo sempre un pò impacciato nell' introdurre i film di questa rubrica, così come per la rubrica "Cinema Cult", perchè, in realtà, le pellicole proposte non avrebbero bisogno di presentazioni, come in questo caso: la scena che segue è tratta da un vero e proprio capolavoro di Rossellini, Roma città aperta, manifesto del Neorealismo italiano. Il film, del 1945, vede recitare due dei più grandi interpreti del cinema italiano ( e aggiungerei mondiale), Anna Magnani ed Aldo Fabrizi (qui in veste drammatica). Fu girato in condizioni precarie (i tedeschi erano appena andati via, ed il materiale tecnico era praticamente irreperibile) ed inizialmente ebbe scarso successo. Successivamente ottenne il Gran Prix al Festival di Cannes del 1946 come Miglior Film, tre Nastri d'Argento (miglior Regia, migliore sceneggiatura, migliore attrice non protagonista ad Anna Magnani) ed infine una candidatura agli Oscar come miglior sceneggiatura originale. Quella che segue è la scena più famosa del film, nonchè la più rappresentativa di tutto il Neorealismo; fu girata al quartiere Prenestino ed ancora oggi, passando per quella stessa strada, sembra di sentire la voce inconfondibile di Nannarella.





Piccola curiosità: il personaggio interpretato da Anna Magnani, Sora Pina, è ispirato a Teresa Gullace, casalinga romana uccisa nel 1944, mentre tentava di parlare al marito fatto prigioniero dai tedeschi, colpita da un proiettile sparato proprio da un soldato tedesco. La sua morte divenne ben presto simbolo della resistenza romana, e fu resa ancora più celebre proprio da questo film. Da notare come, nel film, Francesco grida: "Pina, Pina" più volte, ma un attimo prima degli spari, lo si sente gridare per ben due volte "Teresa, Teresa".
Consiglio anche, a chi l'avesse perso, la visione del film Celluloide di Carlo Lizzani, con Massimo Ghini nei panni di Rossellini, che narra i retroscena e le difficoltà incontrate nella preparazione di questo capolavoro.

9 commenti:

Neverland ha detto...

Uno dei miei film preferiti da quando avevo 12 anni, la mia attrice preferita di sempre: Anna Magnani, la mia adorata città: Roma. Grazie per questo post, per me è un come aver ricevuto un regalo!!

the Tramp ha detto...

@Neverland Sono contento di averti fatto un regalo: la Magnani è senza dubbio la più grande attrice italiana di sempre e questa è solo la sua prima apparizione nel mio blog, vedrai ce ne saranno altre.

Maryann ha detto...

What? You don't like cookies for breakfast? haha

Neil McCauley ha detto...

ciao carissimo!

tutto apposto? grazie per i complimenti riguardo il topic sulla "morte", abbiamo davvero gusti simili cmq in fatto di cinema!

meno male mi sento meno solo:)

sulla magnani penso che sia inutile esprimersi visto la sua grandezza, concordo con te, surclassa tutte le altre attrici italiane!

se penso ad oggi e vedo le attrici nostrane...mi viene da piangere non credi?

ultima semifinale alla fermata passa a votare mi raccomando! facci sapere la tua preferenza!

http://fermataciotat.blogspot.com/

1 abbraccione!

Irene ha detto...

ciao ciao... ho "prestato" il tuo blog a Clara, mia sorella, che si è piegata in due vedendo il filmato del grande Woody Allen distraendomi dallo studio e coinvolgendomi in una sana, mega, spassosa risata. Ti ringraziamo per questa ventata di buon umore. ciao ciao Buon fine settimana.

the Tramp ha detto...

@Neil perchè oggi il cinema italiano ha delle attrici?

@Irene sono contento che il post ti sia piaciuto (anche se hai commentato sul post sbagliato...vabbè ti perdono). Ogni tanto una sana distrazione dallo studio ci vuole, no?

Buona Domenica a tutti.

Angelica S. ha detto...

l'ho recuperato da poco il film...è giunto il momento di vederlo...molto interessanti le curiosità.

Neverland ha detto...

hai ricevuto un premio..passa da me a ritirarlo. un bacio!

the Tramp ha detto...

@Angelica benvenuta nel mio blog e buona visione.

@Neverland grazie per il premio, passo subito a ritirarlo.Un bacio anche a te.